Notizie

La settimana dell’acqua alla Casa della Carità

In occasione della Giornata mondiale dell’Acqua che si celebra il 22 marzo, la Casa della Carità dedica una settimana a questo tema.

L’acqua è connessa al tema della cura e alla cultura dell’accoglienza e dei diritti. La Casa della Carità ne ha esperienza quotidiana.

Per questo, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua del 22 marzo, dedichiamo un’intera settimana al tema dell’acqua come bene pubblico da difendere e valorizzare.

Inoltre siamo alla vigilia di un anniversario importante. A giugno saranno trascorsi dieci anni dal referendum sull’acqua, che ha visto la partecipazione di 27 milioni di cittadini che si sono espressi per difendere una gestione pubblica dell’acqua. Una volontà popolare che è rimasta del tutto inascoltata. 

La Giornata Mondiale dell’Acqua ci invita a riflettere
sul valore di questo meraviglioso e insostituibile dono di Dio.
Per noi credenti, “sorella acqua” non è una merce: è un simbolo universale ed è fonte di vita e di salute.
Troppi fratelli, tanti, tanti fratelli e sorelle hanno accesso a poca acqua e magari inquinata! È necessario assicurare a tutti acqua potabile e servizi igienici. Ringrazio e incoraggio quanti, con diverse professionalità e responsabilità, lavorano per questo scopo così importante. Penso per esempio all’Università dell’Acqua, nella mia patria, a coloro che lavorano per portarla avanti e per far capire l’importanza dell’acqua. Grazie tante a voi argentini che lavorate in questa Università dell’Acqua

Papa Francesco, messaggio per la Giornata mondiale dell’acqua 2021.

Segui la Settimana dell’Acqua sui social

Il messaggio di don Virginio

Parlare di acqua significa per me risvegliare un senso di solidarietà, di presa in cura del mondo e della qualità di vita di tutte le persone, a partire da quelle più bisognose e più fragili. 

L’impegno per questo bene comune riguarda le relazioni più vicine così come le relazioni più lontane, che hanno a che fare con i rapporti sociali, politici ed economici. Ad ogni livello al quale ci poniamo, la sostanza non cambia: la cura e la difesa di un bene pubblico costituiscono le fondamenta del nostro vivere insieme

Un segno di speranza. Foto di Matilde Brockhaus

ANGIE SCALA – operatrice

In un momento così buio l’acqua è in grado di regalare momenti di gioia e felicità ai più piccoli della città.

ANSARI – ospite delle docce

Acqua, fonte di vita.

FABIOLA D’ALESSANDRO – Volontaria

“Un vecchio proverbio dice che insegnare a pescare è meglio che regalare un pesce. Il vescovo Pedro Casaldàliga, che vive nella regione amazzonica dice che sì, questo è giusto, che è un’idea molto buona, ma che cosa succede se qualcuno compra il fiume, che era di tutti, e ci proibisce di pescare? O se il fiume si avvelena, e avvelena i suoi pesci, per i rifiuti tossici che gli gettano dentro? Ossia: che cosa succede se succede quel che sta succedendo?”. Eduardo Galeano.

CECILIA TROTTO – Operatrice

L’acqua è voglia di saltare, di giocare, di uscire dagli schemi per sentirsi liberi e felici.

CHAMI – ospite delle docce

Sporchi è difficile stare e rapportarci con le altre persone. Le docce ci permettono di essere puliti e in buone condizioni.

LORENA CANTARELLI – volontaria

Non sprecare l’acqua! Tieni d’occhio il contatore…

GIOVANNA CALANDRINO – operatrice

Se guardo questa foto non posso fare a meno di fare una similitudine con la situazione che stiamo vivendo. Guardiamo da un oblò di ghiaccio un futuro che sembra baciato dal sole, ma non siamo sicuri se ciò che ci circonda si scioglierà liberandoci o tornerà a ghiacciarsi di nuovo, intrappolandoci. 

 

MATILDE BROCKHAUS – volontaria

Un bimbo siriano che beve da una condotta bombardata. Una foto drammatica per non dimenticare, che la realtà di oggi è purtroppo anche, e soprattutto, questa.

 

GUIDO GRITTINI – operatore

Basta poco

ROSY GARIBOLDI – volontaria

Cascate

IOLE ROMANO – operatrice

Acqua. In Casa della Carità arrivano le persone dal campo appena sgombrato. L’auditorium viene allestito in tempo record. Nei giorni seguenti, il giardino interno è affollato: voci, urla dei bimbi e un rumore di acqua scrosciante dalla fontana. Sì, quella fontana quante volte l’ho chiusa, perché l’acqua è un bene prezioso. Oggi, a distanza di anni, pensando a quel giorno, rivedo quei bimbi che si attaccano al rubinetto per bere, bere e divertirsi, schizzando acqua da tutte le parti. Oggi dico sì a quell’acqua che scende senza misura, perché il ricordo della felicità di quei bimbi è impagabile. L’acqua è vita, è gioia è divertimento.

PATRIZIA BANDIERA – volontaria

Sorgente del Lambro nel cuore del Triangolo Lariano, a 944 metri nei pressi del Pian del Rancio.

Ammirare ed ascoltare il suono dell’acqua di quella piccola cascata immersa in un ambiente magico ha provocato in me un’intensa emozione ed una riflessione: fonte della vita che diamo per scontata, per la quale facciamo poco per far sì che sia conservata, per non sporcarla e per cercarne di più per quelli che hanno sete.

 

TIZIANA SCARDILLI – operatrice

La leggerezza della condivisione.

MARIA GRAZIA AGOSTINETTO – volontaria

Foto scattata tempo fa a Cuneo, mia città natale, alla casetta dell’acqua: un servizio a chilometro zero, dal prezzo competitivo e, non essendoci trasporto, a ridotto impatto ambientale.

AGATA COCO – operatrice

“L’acqua come fonte di vita, condivisione e verità”

STEFANA GRANATA – volontaria

Acqua sorgiva

VANESSA CAPUTO – operatrice

Certo qui si tratta di spreco d’acqua… ma con la ferma intenzione di educare le nuove generazioni all’uso consapevole e parsimonioso!

L’acqua per i nostri ospiti

Molti nostri ospiti hanno raggiunto il nostro Paese attraversando l’acqua del Mar Mediterraneo. L’acqua è ciò che li ha condotti altrove. Per altri, l’acqua è il ricordo dei monsoni o della stagione delle piogge. L’acqua è stata un elemento di paura nelle loro vite, ma anche di gioia. Abbiamo raccolto qui le voci e i pensieri di alcuni di loro. 

I ragazzi accolti a Casa Francesco hanno esperienze abbastanza negative con l’acqua: c’è chi parla dei monsoni in Bangladesh e chi racconta del mare e della traversata fatta per arrivare in Italia. Fortunatamente, nella nostra esperienza l’acqua ha anche una connotazione di allegria e spensieratezza!

Quando ero piccola, avevo circa 6 anni, mi trovavo a casa con mia mamma ad Asmara e ricordo di essere tornata a casa profondamente assetata. Sono subito corsa in cucina a bere dal rubinetto ed ho provato una bellissima sensazione.

Asmaret, Eritrea.

I consigli di lettura, e non solo, della Biblioteca del Confine

La Biblioteca del Confine propone romanzi, storie in rima, saggi e graphic novel per ricordare, riflettere e viaggiare alla riscoperta dell’acqua come bene primario per la nostra sopravvivenza individuale e collettiva. Perdiamoci insieme tra storie incredibili nella Virginia delle piantagioni, nel ciclo della vita di una gocciolina di acqua, nella profondità del pensiero antropologico, nelle grotte in fondo al mare, nel blu dell’Oceano. Per non dimenticare di cosa siamo fatti e di cosa abbiamo bisogno per vivere, tutti.

Incontri e racconti

In occasione della giornata dell’acqua, abbiamo incontrato Ciro Di Guida ed Emilio Molinari.

Ciro è il responsabile del servizio Docce della Casa della Carità e ci ha raccontato la storia di Andrei, spiegando che l’acqua è vitale per le persone senza dimora.

Emilio, vicepresidente dell’Associazione Laudato si’, è tra i fondatori del movimento dell’acqua in Italia e ha contribuito fattivamente alla riuscita del referendum del 2011.

Ciro Di Guida

Emilio Molinari

Milano città d’acqua

In questa sezione mostriamo alcune foto di archivio, che mettono in evidenza la vitale e multiforme presenza dell’acqua nell’esperienza degli abitanti di Milano e in particolare via Padova e il quartiere Crescenzago, dove ha sede la Casa della Carità.

Fino ai primi del Novecento – quando iniziò a coprire i suoi navigli – Milano si caratterizzava come città d’acqua e, con la sua darsena, era il decimo porto più trafficato d’Italia.

Le foto sono tratte dal libro fotografico Via Padova e dintorni. Identità e storia di una periferia milanese edito dall’associazione Amici del Parco Trotter Onlus. Per averle condivise, ringraziamo Dino Barra, che insieme a Uliano Lucas, Matteo Speroni e Giorgio Calabria è tra i curatori del libro. 

Souquaderni, un’anticipazione

Il tema dell’acqua sarà protagonista del numero di aprile di SouQuaderni, la rivista online del Centro Studi SOUQ della Casa della Carità.

Sarà un numero molto ricco, con interventi di: Paolo Branca, Elena Lea Bartolini, Daniela Padoan, Mauro Van Aken, don Luigi Verdi e altri ancora in arrivo.

Vi anticipiamo una parte dell’intervento di Emilio Molinari, intitolato: “Acqua. 10 anni dal Referendum. Tre Capitoli sulla Mercificazione della Vita”.

Segui la settimana dell’acqua sui social

La foto di apertura è di Fabiola D’Alessandro, volontaria della Casa della Carità.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

I consigli della Biblioteca del Confine sull’Afghanistan

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine per conoscere meglio l’Afghanistan….

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora