Notizie

Profughi afghani – Un tè per conoscersi

Mercoledì 29 settembre 2021

C’è chi in queste settimane ha già imparato qualche frase in italiano e prova a presentarsi. E c’è chi invece non ha ancora preso confidenza con la lingua e si racconta in Dari, una delle lingue ufficiali dell’Afghanistan. A tradurre ci pensa K., ospite del progetto di accoglienza, che ha frequentato l’università a Milano e parla un perfetto italiano.

L’occasione di queste presentazioni è un tè pomeridiano, che alcuni dei profughi afghani ospiti della Fondazione hanno preso mercoledì 29 settembre, insieme agli operatori e alle operatrici che li stanno seguendo e accompagnando.

Con loro c’è un gruppo di volontarie e volontari della scuola di italiano della Casa della Carità, che li supporteranno nello studio.

E non solo.

Pia per esempio, una delle volontarie presenti, aiuterà Z. a fare l’orlo dei pantaloni comprati quella mattina.

Ad accompagnare Z. negli acquisti è stata Iole Romano, operatrice della Casa che fa parte dell’équipe del progetto di accoglienza: «Abbiamo comprato vestiti e scarpe… non proprio invernali, ma con il caldo che c’è non è ancora tempo di lana o simili. Ed è stato difficile convincerla a fare un acquisto “in prospettiva”. Comunque è stato molto divertente, le ho proposto un tacco 12 gold glitterato… ha sorriso!!!». 


Altri articoli suggeriti

Un corso sull’umorismo con Jacopo Cirillo

“Che cosa c’è da ridere. Teorie e tecniche della comicità”, un corso sull’umorismo con…

Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo. Rivedi l’incontro

Rivedi l’incontro “Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo”, un dialogo tra don…

Pace: un bene da custodire con cura, rivedi l’incontro

“Pace: un bene da custodire con cura”. Rivedi il dialogo tra don Virginio Colmegna…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora
Dona ora