Incontri

Rivivi la fiaccolata per la pace in Ucraina

Mercoledì 2 marzo 2022, la Casa della Carità con la parrocchia di Gesù a Nazaret ha organizzato una fiaccolata per la pace in Ucraina

Mercoledì 2 marzo, nell’aderire alla giornata di digiuno e preghiera indetta da Papa Francesco, la Casa della Carità e la parrocchia di Gesù a Nazaret hanno organizzato una fiaccolata per la pace in Ucraina.

La fiaccolata, che ha visto la partecipazione di oltre 500 persone, è partita dalla sede della Casa della Carità in via Brambilla, ha attraversato le strade del quartiere Adriano e si è conclusa nella chiesa parrocchiale di Gesù a Nazaret, dove sono state condivise parole di pace, attraverso canti e momenti di preghiera.

pace
pace

Ad aprire questa camminata, a tratti silenziosa e a tratti animata da canzoni contro la guerra, c’erano le vittime di un altro conflitto: i profughi afghani accolti dalla Casa della Carità dallo scorso settembre.

Due di loro, Jalil e Kamila, che sono marito e moglie, hanno voluto condividere con i presenti alcuni pensieri.

Una fiaccolata perché…

Le motivazioni per le quali la Casa della Carità ha voluto proporre questa fiaccolata insieme alla Parrocchia di Gesù a Nazaret, le spiega il presidente della Fondazione don Virginio Colmegna: «Vedere arrivare, dalla nostra Europa, immagini di persone nascoste nelle cantine e nelle stazioni della metropolitana per sfuggire ai bombardamenti e file di profughi in auto o in attesa di un treno per scappare dal proprio paese è un fatto drammatico, che ci addolora e ci interroga».

«La Casa della Carità vuole esprimere la sua solidarietà al popolo ucraino e vuole far sentire la propria voce per chiedere che la guerra in Ucraina, le cui conseguenze non potranno che essere devastanti per la popolazione di quel paese innanzitutto e per il mondo intero, cessi il prima possibile».

«La logica della guerra, che non è mai giusta, va interrotta per sempre e in ogni luogo. La risposta alle controversie, infatti, non può essere una continua militarizzazione. Occorre invece affermare che il dialogo e la diplomazia devono tornare a prevalere sui conflitti armati».

Don Virginio Colmegna ha anche voluto condividere con i presenti due poesie scritte da lui.

Don Virginio Colmegna mentre legge la sua poesia “Pace, pace, basta guerra”

Accoglienza e cultura

La nostra Fondazione si sta organizzando per l’accoglienza dei profughi che arriveranno a Milano ma allo stesso tempo, come sempre, vuole dare uno sguardo culturale su quanto sta accandendo.

Per questo, per conoscere meglio l’Ucraina e la sua storia, vi proponiamo alcuni consigli della nostra Biblioteca del Confine, curati da Alessandro Coerezza.


Altri articoli suggeriti

Un corso sull’umorismo con Jacopo Cirillo

“Che cosa c’è da ridere. Teorie e tecniche della comicità”, un corso sull’umorismo con…

Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo. Rivedi l’incontro

Rivedi l’incontro “Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo”, un dialogo tra don…

Pace: un bene da custodire con cura, rivedi l’incontro

“Pace: un bene da custodire con cura”. Rivedi il dialogo tra don Virginio Colmegna…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora
Dona ora