18-20 giugno: percorsi d'acqua in Martesana | Casa della Carità
Incontri

18-20 giugno: percorsi d’acqua in Martesana

La Casa della Carità continua il percorso di riflessione 
sull’acqua, con un fine settimana di eventi aperti alla cittadinanza, che si snoderanno lungo il naviglio Martesana.

La Casa della Carità continua il suo percorso di riflessione sull’acqua iniziato a marzo, con un fine settimana di eventi aperti alla cittadinanza, che si snoderanno lungo il corso del naviglio Martesana.

Da venerdì 18 a domenica 20 giugno, la Fondazione promuove “Martesana terra d’acque”, una tre giorni realizzata in collaborazione con numerose realtà locali, per conoscere il territorio dove ha sede la Casa della Carità (il quartiere Adriano-Crescenzago), dove la presenza dell’acqua è vitale e multiforme, grazie allo scorrere del naviglio.

ISCRIVITI ALL’EVENTO DI TUO INTERESSE

Tutti gli eventi di “Martesana terra d’acque” (ad eccezione dell’aperitivo nel giardino di Villa Pallavicini) sono gratuiti. Nel rispetto della normativa Covid, la partecipazione è a numero chiuso e la prenotazione è obbligatoria.

Clicca sui link seguenti e iscriviti all’evento di tuo interesse, per riservare il tuo posto.

L’iniziativa è promossa dal Centro Studi SOUQ della Casa della Carità in collaborazione con: Legambiente, Politecnico di Milano, Associazione Culturale Villa Pallavicini, EastRiver e Canottieri San Cristoforo, Associazione Gorla Domani, Cascina Martesana, il servizio di custodia sociale del Comune di Milano – Municipio 2 e il Gruppo Scout Milano 35, e l’associazione Amici della Cascina Linterno.

MARTESANA TERRA D’ACQUE, IL PROGRAMMA

“Martesana terra d’acque” propone una serie di percorsi pedonali e ciclabili, sia in città che fuori, alla scoperta delle bellezze naturali, storiche e architettoniche del territorio attraversato dal “naviglio piccolo” di Milano.

Insieme ad accompagnatori esperti, si approfondirà il rapporto tra acqua e spazio urbano, sarò possibile conoscere la fauna e la flora che abitano il naviglio e navigare le sue acque in canoa.

Domenica 20 giugno, per l’incontro che chiuderà il programma dell’iniziativa, ospite d’onore sarà Lamberto Caimi. Direttore della fotografia di numerosi film di Ermanno Olmi, Caimi presenterà il suo cortrometraggio “Ona strada bagnada“, che racconta la vita difficile e piena di sacrifici che i “barchiroeu” dovevano condurre quotidianamente sul naviglio Grande per trasportare le merci fino alla Darsena di Milano.

I percorsi dell’acqua

“Martesana terra d’acque” si inserisce nella più ampia iniziativa “I percorsi dell’acqua”, un lungo cammino di riflessione per portare al centro dell’attenzione una risorsa tanto fondamentale quanto data pericolosamente per scontata, che la Casa della Carità ha avviato lo scorso 22 marzo.

Allora, in occasione della Giornata mondiale dell’acqua, la Fondazione ha dedicato al tema un’intera settimana, raccogliendo pensieri, ricordi e immagini sull’acqua da ospiti, operatori e volontari.

Ad aprile è stato invece pubblicato un numero monografico di SOUQuaderni, la rivista scientifica del Centro Studi SOUQ della Casa della Carità, che ha dato voce ad esperti e autori autorevoli, ma anche ai rappresentanti di diverse religioni, che hanno raccontato l’acqua da diversi punti di vista e sfumature.

“I percorsi dell’acqua” continuerà a settembre, con altre iniziative di cui vi daremo notizia.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

“Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”

Rivedi l’incontro “Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”, promosso…

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della Carità, che…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora