Notizie

Prima la comunità ha presentato il progetto delle Case della comunità

Prima la comunità ha messo a punto il progetto delle “Case della comunità”, una nuova modalità di presa in carico della salute e del benessere.

La Fondazione Casa della Carità è da tempo impegnata sul fronte delle politiche per la salute.

Nel 2020, a culmine di un lavoro pluriennale, ha dato impulso alla costituzione dell’associazione Prima la comunità, di cui don Virginio Colmegna è presidente. Prima la comunità ha federato un centinaio di realtà di tutto il territorio nazionale con l’impegno di promuovere un cambio di passo in tema sanitario, riportando la persona e il territorio al centro della cura. 

In concreto, l’associazione Prima la comunità ha messo a punto il progetto di “Casa della comunità”, vale a dire una nuova modalità di presa in carico della salute e del benessere di una comunità. Non si tratta di istituire dei poliambulatori, ma di dar vita a dei luoghi dove accogliere i bisogni sanitari e sociali delle persone.

Il modello “Casa della comunità”, che si sta sempre più imponendo nel dibattito pubblico, oltre a essere stato citato dal presidente Draghi nel suo discorso di insediamento al Senato, è entrato nei progetti di ambito sanitario previsti dal PNNR.

L’immagine di apertura è di Rémi Walle su Unsplash.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

COP26: i consigli della Biblioteca del Confine

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine in occasione della COP26,…

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora
Dona ora