Notizie

Profughi afghani – I primi arrivi

Martedì 14 settembre 2021

Castagne matte. Sono quelle che continuano a rotolare nella sala mensa dai gradini che da una delle uscite portano nel cortile della Casa della Carità.

A lanciarle da su a giù e poi da giù a su, sono alcuni bambini e bambine che martedì 14 settembre sono arrivati in via Brambilla insieme alle loro famiglie scappate dall’Afghanistan e arrivate in Italia grazie al ponte aereo delle scorse settimane. 20 persone in tutto.

È il secondo gruppo di profughi (il primo, 5 persone, era arrivato nel pomeriggio di lunedì 13 settembre) accolti all’interno del progetto di ospitalità realizzato dalla Casa della Carità in collaborazione con Proges Cooperativa Sociale Servizi alla Persona e CasAmica Onlus.

Mentre i piccoli giocano, seduti ai tavoli della mensa ci sono i grandi, con in braccio i piccolissimi. Insieme a loro c’è Fiorenzo De Molli, responsabile del Settore Ospitalità e Accoglienza della Fondazione e coordinatore di questo progetto.

Fiorenzo sta spiegando ai nuovi arrivati dove saranno ospitati e che cosa succederà nelle prossime settimane. Ad aiutarlo con la traduzione c’è K., che conosce perfettamente l’italiano perché ha studiato nel nostro Paese. Anche lui è tra le persone accolte in questi giorni.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

I consigli della Biblioteca del Confine sull’Afghanistan

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine per conoscere meglio l’Afghanistan….

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora