Storie

Tania, da ospite della Casa a mediatrice per le donne ucraine

Tania è un’ospite ucraina della Casa della Carità. Non appena ha saputo dell’arrivo dei profughi in fuga dalla guerra, si è offerta come mediatrice

Frenetiche. È l’aggettivo che meglio descrive queste prime giornate di accoglienza dei profughi in arrivo dall’Ucraina. 

Ci sono i nuclei da accogliere, c’è da organizzare gli spazi e la distribuzione dei pasti, c’è da affrontare la burocrazia per richiedere il permesso di soggiorno.

Ma nessuno degli ospiti parla italiano e a differenza di altre accoglienze, non c’è nemmeno una lingua ponte che possa essere d’aiuto per capirsi reciprocamente. A dare allora un contributo fondamentale sono due donne ucraine, Tania e Cristina, che non appena hanno saputo dell’arrivo dei profughi si sono offerte come mediatrici.

E una di loro, Tania, ha una storia particolare, perché lei stessa è ospite della Casa della Carità e ora è in prima linea nell’accoglienza.

Scambiamo due parole con lei in un momento di relativa tranquillità e ci racconta di essere arrivata in Italia nel 2008 dalla città ucraina di Leopoli

Alla Casa invece, con il marito e 3 dei 4 figli, è stata accolta nel 2016. «Avevamo avuto problemi economici e non riuscivamo più a pagare l’affitto. Per questo siamo stati sfrattati. Abbiamo vissuto qualche tempo nel centro di emergenza sociale di via Barzaghi, ma poi lì c’è stato un incendio e quindi siamo stati trasferiti alla Casa della Carità. E qui è nato il mio ultimo figlio».

I figli e le figlie di Tania hanno tra i 4 e i 9 anni e quando loro sono a scuola, lei lavora saltuariamente nelle pulizie o come badante: «Con 4 bambini non è facile e poi con il Covid faccio sempre più fatica a trovare lavoro», dice.

Ma ora tutto il tempo che non è dedicato alla famiglia, lo trascorre nel centro dove Casa della Carità e CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà hanno allestito l’accoglienza.

Esserci e aiutare i suoi connazionali in fuga dalla guerra è motivo di gioia e orgoglio per Tania

Glielo si legge negli occhi azzurrissimi, che fanno capolino sopra la mascherina e diventano un po’ lucidi quando racconta che anche lei, come tutte le donne ospitate dal progetto di accoglienza, ha dei parenti che sono rimasti in Ucraina. «Una zia e due cugini. Uno di loro è già morto durante i combattimenti, l’altro purtroppo lo sento poco, perché non sempre riesce a ricaricare il telefono».

[Nell’immagine di apertura Tania, a destra, traduce le indicazioni degli operatori per gli ospiti]


Altri articoli suggeriti

Un corso sull’umorismo con Jacopo Cirillo

“Che cosa c’è da ridere. Teorie e tecniche della comicità”, un corso sull’umorismo con…

Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo. Rivedi l’incontro

Rivedi l’incontro “Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo”, un dialogo tra don…

Pace: un bene da custodire con cura, rivedi l’incontro

“Pace: un bene da custodire con cura”. Rivedi il dialogo tra don Virginio Colmegna…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora
Dona ora