Storie

Ciao Giannico, ci mancherai!

Giannico Ruffin è stato uno storico volontario della Casa. È scomparso il 7 novembre 2021 a 84 anni.

Il suo sguardo gentile, che faceva capolino dagli occhiali portati in punta di naso, e il sorriso dolce, che non mancava mai. I suoi modi garbati e la sua disponibilità. Ma anche i borbottii, quando vedeva qualcosa che non andava, da interpretare non come una lamentela, ma come grande amore e dedizione per la Casa della Carità

Questo, e tanto altro, rimarrà nei nostri ricordi di Giannico Ruffin, storico volontario della Fondazione, che se n’è andato domenica 7 novembre, all’età di 84 anni.

In via Brambilla Giannico ci era arrivato da ospite, alla fine di settembre 2005, per andarsene pochi mesi dopo, a metà gennaio 2006, dopo l’assegnazione della casa popolare al Giambellino.

Ma alla Casa era rimasto molto legato e così, poco tempo dopo la fine della sua permanenza da ospite, era tornato come volontario: «Lo faceva con passione e tenacia. Le sue parole erano “quartiere”, “partecipazione” , lo “spirito della casa” nonché i “biglietti per lo stadio”», racconta Fiorenzo De Molli, responsabile del Settore Accoglienza e Ospitalità.

E proprio le attività sportive e ricreative per bambini e ragazzi erano la sua passione. Quasi il suo cruccio, si potrebbe dire, tante ne ha organizzate nel corso degli anni: dal judo ai tornei di calcio e di bocce. «Era un vulcano di idee», ha ricordato don Virginio, celebrandone l’ultimo saluto.

Giannico era stato anche l’anima dell’Inter Club della Casa della Carità e attraverso questa sua attività era costantemente impegnato per far sì che gli ospiti potessero assistere alle partite a San Siro. E c’era stato il suo zampino quando, prima della partita di Champions League Inter-Barcellona del 20 aprile 2012, un gruppo di bambini rom ospiti della Casa ha accompagnato mano nella mano i giocatori sul campo del Meazza. E anche quando poi l’Inter vinse la Champions, è stato anche grazie a Giannico che la “coppa dalle grandi orecchie” aveva fatto tappa alla Casa della Carità per una serata di festa.

Giannico durante una delle partecipazioni della Casa a Fa’ la Cosa Giusta

Un altro suo cavallo di battaglia era la fiera “Fa La Cosa Giusta”. I primi anni curava il banchetto della Fondazione tutto da solo e successivamente ha sempre spinto affinché la Casa partecipasse.

Negli ultimi due anni, qualche acciacco prima e la pandemia poi lo hanno tenuto lontano da via Brambilla, ma quando lo si sentiva al telefono non mancava mai di interessarsi della Casa.

Tanti i messaggi di affetto condivisi da operatori e volontari. Ne segnaliamo uno in particolare, quello di Matilde Brockhaus, presidente dell’Associazione Volontari della Casa della Carità: «Ciao Giannico! Ti ricordo con tanto affetto e simpatia. Ci siamo conosciuti quando nel 2005 ho iniziato la mia attività di volontariato in Casa della Carità e ricordo con quanta riconoscenza e ammirazione mi parlavi della Casa. Poi, nel susseguirsi degli anni abbiamo ‘lavorato’ accanto come volontari con passione e dedizione, sempre disponibile a portare idee e proposte nuove, molto apprezzato dagli amanti del calcio per i tanti biglietti che sei sempre riuscito a procurare. Ricordo il tuo ingresso felpato quando ero al centro ascolto e ti fermavi per fare delle lunghe chiacchierate… c’era davvero una stima e un’attenzione reciproche. Negli ultimi tempi ho potuto comunicare con te solo per telefono e avvertivo il tuo dispiacere per non poter più venire a quella che in fondo tu sentivi come la tua “Casa”. Sentiremo la tua mancanza. Ciao Giannico! Matilde (la ‘tua presidente’, così amavi chiamarmi…)».


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

COP26: i consigli della Biblioteca del Confine

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine in occasione della COP26,…

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora