Regaliamoci futuro

Il percorso di riprogettazione dell’azione
sociale e degli spazi della Casa della Carità

A partire da gennaio 2020, per rispondere alle nuove istanze di aiuto, accoglienza e cura portate dalle tante persone che bussano alle porte di via Brambilla, la Casa della Carità ha avviato “Regaliamoci futuro”, un percorso di riprogettazione della sua azione sociale e dei suoi spazi.

Da un ampio confronto, che per diversi mesi ha coinvolto operatori, volontari, amici e collaboratori della Casa della Carità, è emerso che la mission consegnataci nel 2002 dal cardinale Carlo Maria Martini è ancora attuale: essere un luogo di accoglienza per gli ultimi degli ultimi ai quali offrire una cura comunitaria. Ed essere un luogo che promuova cultura, ricerca, Politica e spiritualità. 

A innovarsi devono essere alcuni percorsi operativi e pratiche di ospitalità, aiuto e sostegno. Per rispondere sempre al meglio ai mutati bisogni sociali delle persone fragili che si rivolgono alla Fondazione o che sono intercettate sul territorio dai nostri servizi.