Notizie

La Casa aderisce a “Fame e sete di Giustizia”, digiuno di solidarietà coi migranti

La Casa della Carità aderisce al digiuno a staffetta in solidarietà con i migranti, promosso da Cantiere Casa Comune dei Comboniani.

L’appello

Stiamo iniziando un tempo che i cristiani chiamano la Settimana Santa, con lo sguardo e il cuore rivolto al Crocifisso. 

Su quel Crocifisso, all’entrata del Vaticano, Papa Francesco ha fatto mettere il salvagente di un migrante morto nel Mediterraneo per “ricordare a tutti l’impegno inderogabile di salvare ogni vita umana, un dovere morale che unisce credenti e non credenti”.

Troppi cristiani, che nella Settimana Santa verseranno lacrime sul Crocifisso, non riescono a versarle sui crocifissi di oggi nel loro calvario sulla rotta sahariana, asiatica, balcanica, centroamericana per trovarsi poi davanti a muri e fili spinati eretti dalle nazioni ricche. Migliaia sono torturati e le donne violentate nei lager libici. Condannati a morte nel  Mediterraneo, che è diventato il Mar ‘Nero’, il cimitero dei volti ‘scuri’.

Siamo indignati di fronte a queste morti nel Mediterraneo (oltre 190 da inizio anno, con una  media di 3 al giorno!) che da anni continuano ininterrottamente. Molte navi delle ONG sono bloccate nei porti dalla strategia cinica dei governi che si oppongono a progetti umanitari che salvano vite. Migliaia di persone arrivano da situazioni drammatiche nei loro paesi attraversando il deserto e approdando nei lager della Libia e spesso respinti dalla guardia costiera libica finanziata anche dall’Italia.

Sulla rotta Balcanica, dove i profughi del campo di Lipa (Bosnia) vivono una  situazione drammatica, le persone sono costrette a sopravvivere nel gelo e nella neve, frutto amaro della politica migratoria italiana che respinge chi arriva a Trieste dalla Slovenia. La Slovenia li respinge poi in Croazia e la Croazia in Bosnia.

Sulle Isole greche di Lesbo e Chios vivono in situazioni disumane profughi provenienti dal Medio Oriente e dall’Asia, proprio nei giorni in cui ricordiamo i 10 anni dallo scoppio dell’assurda guerra in Siria e i 5 anni dai vergognosi accordi dell’Unione Europea con la Turchia (6 miliardi di euro!).

Davanti a questa immane tragedia, da tre anni è promossa l’iniziativa del Digiuno di Giustizia in Solidarietà con i Migranti: ogni primo mercoledì del mese ci si ritrova a digiunare davanti al Parlamento. Un atto dalla forte dimensione politica, condiviso anche da religiose e religiosi nei monasteri, da cittadine e cittadini nelle proprie abitazioni e da tanti gruppi che digiunano davanti alle Prefetture della propria città (Firenze, Varese, Verona, Bari…).

Cantiere Casa Comune, per il persistere di queste politiche migratorie razziste, sia  italiane che europee, rilancia a tutti l’impegno al fianco delle vittime di questo sistema. 

Invitiamo tutti, credenti e laici, comunità, associazioni, movimenti, a unirsi al digiuno, per rispondere al grido di dolore di tanti fratelli e sorelle migranti sulle rotte mondiali che, dalle periferie del  mondo, si muovono verso il sogno di una vita migliore, di giustizia e di dignità. 

Chiediamo con determinazione nuove leggi in tema di immigrazione e di cittadinanza, in Italia e in Europa, capaci di eliminare ogni forma di discriminazione nei confronti dei migranti e dei giovani delle nuove generazioni. Dobbiamo mostrare concretamente più umanità e solidarietà con le vittime di questo sistema! 

Cantiere Casa Comune sostiene il Digiuno di Giustizia ogni primo mercoledì del mese e insieme, partendo da lunedì 29 marzo 2021, inizio della Settimana Santa per i cristiani, lanciamo un digiuno a staffetta che vuole coinvolgere tutti e tutte. Ogni persona, comunità, associazione può iscriversi e partecipare come gesto radicale e nonviolento di difesa della vita e della dignità dei fratelli e sorelle migranti, in opposizione alla sazietà e all’indifferenza di un economia che uccide e di un mondo che non si lascia più toccare dal dolore e dalle lacrime vere  degli ‘scarti’.

Come aderire al digiuno

Clicca qui, per aderire all’appello come singolo o associazione, gruppo, movimento, parrocchia, famiglia e per iscriverti al tuo/vostro digiuno di solidarietà nel giorno prescelto.

Per informazioni sul digiuno a staffetta scrivi a: [email protected] oppure chiama la segreteria del Cantiere Casa Comune: 045/ 8092390 

Per informazioni sul Digiuno di Giustizia in solidarietà con i migranti scrivi a:  [email protected] 

IL DIGIUNO è PROMOSSO DA:

  • Cantiere Casa Comune 
  • Alex Zanotelli 
  • Antonio Soffientini 
  • Tarcisia Ciavarella 
  • Mariapia Dal Zovo 
  • Toni Scardamaglia 
  • Daniele Moschetti 
  • Filippo Ivardi Ganapini 
  • Marco Colombo 
  • Emilia Gaudio 
  • Federico Sartori

Limmagine di apertura è di Marco Garofalo.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

“Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”

Rivedi l’incontro “Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”, promosso…

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della Carità, che…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora