Incontri

Salute al nuovo anno, un richiamo programmatico

Dall’incontro promosso dall’associazione “Prima la comunità” la richiesta di una riforma sanitaria accompagnata da un autentico cambiamento culturale.

Salute al nuovo anno” non è solo un augurio per l’anno che sta per iniziare. È un richiamo programmatico, che vuole dare concretezza alla parola “salute”, perché c’è davvero l‘urgenza di dare una svolta radicale alle politiche sanitarie nel nostro Paese.

Questa la sollecitazione ribadita oggi dall’associazione “Prima la comunità” nel corso di un evento in diretta streaming cui hanno preso la parola oltre 30 personalità da tutta Italia e in rappresentanza di vari mondi: dall’associazionismo alla medicina, dalla politica all’università, dagli enti locali ai sindacati. 

CASE DELLA COMUNITÀ

Il messaggio è stato lanciato dall’Adriano Community Center di Milano, attualmente operativo come “Covid Hotel”, scelta simbolica perché accoglie persone Covid-positive che non hanno la possibilità di fare la quarantena presso il proprio domicilio, ma anche un luogo che ospita, e ospiterà, persone fragili.

Durante l’evento on line, Prima la comunità ha rinnovato una delle sue proposte forti, ovvero l’istituzione di quelle “Case della comunità” come luoghi di prossimità e prevenzione, dove creare alleanze tra i vari soggetti, con i loro saperi e le loro specifiche competenze: dall’ente locale a quello del terzo settore, dal sistema educativo a quello economico. L’obiettivo è mettere al centro la persona e lavorare al suo benessere globale, con un’attenzione non solo alla salute fisica, ma anche alle politiche del lavoro, della casa, alla cultura.

UNO SCHIAFFO ALLA SANITÀ PUBBLICA

L’incontro “Salute al nuovo anno” ha raccolto e rilanciato l’appello “Uno schiaffo alla sanità pubblica, briciole alla salute della popolazione”, che hanno lanciato cinque associazioni per la difesa della sanità pubblica (Salute Diritto Fondamentale, SOS Sanità, Saluteinternazionale.info, Conferenza permanente per la salute mentale nel mondo e Lisbon Institute of Global Mental Health) e che denuncia come nella bozza del PNRR – Piano Nazionale di Ripresa, presentata dal Governo, le risorse destinate al comparto sanitario – 9 miliardi sui 196 totali assegnati all’Italia tramite fondi UE – siano assolutamente insufficienti.

Dalla piazza virtuale, cui si sono collegate circa 300 persone, Prima la comunità ha riaffermato la necessità di una riforma sanitaria accompagnata da un autentico cambiamento culturale, oltre la logica delle prestazioni e del mercato.

Foto di apertura: Ashkan Forouzani on Unsplash

Altri articoli suggeriti

Emilio, una vita con le stelle sulla testa

Tornato a vivere in strada da tanti anni dopo l’accoglienza alla Casa della Carità,…

“Seminare accoglienza, raccogliere futuro”. Il libro di Ero Straniero

Il volume curato dalla nostra Fondazione raccoglie contributi di tante personalità che negli anni…

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della carità, che…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora