Incontri

Mai più stragi, anche la Casa aderisce

Anche la Casa aderisce alla manifestazione “Mai più stragi” contro la ‘ndrangheta, che si terrà martedì 5 luglio alle 19 in piazza Duca d’Aosta

Anche la Casa della Carità aderisce a “Mai più stragi”, manifestazione nazionale contro la ‘ndrangheta e a sostegno di Nicola Gratteri, Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Catanzaro, e di tutti coloro che rischiano la vita contro le mafie.

L’appuntamento è per martedì 5 luglio alle 19, in piazza Duca d’Aosta, davanti alla Stazione centrale di Milano.

«Il principio di legalità non va solo dichiarato, ma va praticato nel nostro operare quotidiano. Per questo la Casa della Carità, che aderisce a Libera, martedì sarà in piazza. Per portare la sua solidarietà al procuratore Gratteri e per testimoniare che ogni giorno occorre essere in campo contro mafia e criminalità», afferma don Virginio Colmegna, presidente della Fondazione.

Che aggiunge: «Trovo particolarmente significativo che questa manifestazione dalla Calabria arrivi a Milano perché, è ormai noto, la ‘ndrangheta, è ormai ben radicata anche nella nostra regione. E con l’arrivo in città dei milioni del PNRR, come società civile abbiamo il dovere di vigilare, affinché queste risorse siano ben spese e non finiscano, come purtroppo già accaduto in passato, nelle mani sbagliate».

[L’immagine di apertura è di ImagoEconomica]


Altri articoli suggeriti

Un corso sull’umorismo con Jacopo Cirillo

“Che cosa c’è da ridere. Teorie e tecniche della comicità”, un corso sull’umorismo con…

Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo. Rivedi l’incontro

Rivedi l’incontro “Uscire dal sistema di guerra: la pace come metodo”, un dialogo tra don…

Pace: un bene da custodire con cura, rivedi l’incontro

“Pace: un bene da custodire con cura”. Rivedi il dialogo tra don Virginio Colmegna…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora
Dona ora