Comunicati stampa

Fragilità e cura nel segno del cardinal Martini

Alla Casa della Carità, per il 40° anniversario dell’ingresso nella Diocesi di Milano del cardinale Carlo Maria Martini, un convegno organizzato dall’Associazione SON – Speranza Oltre Noi

Milano, 13 febbraio 2020 – «Nel corso di tutto il suo episcopato e dando vita alla Casa della Carità, il cardinale Carlo Maria Martini ci ha insegnato che fragilità e debolezza non sono problemi da nascondere, ma sono invece occasioni per tessere legami e relazioni, per sprigionare energie e creatività che diventano una risorsa per tutti. Per questo, in occasione del 40° anniversario del suo ingresso nella Diocesi di Milano (10 febbraio 1980), abbiamo scelto di dare spazio al suo pensiero sui temi della fragilità, della cura e della comunità con il convegno “Fragilità e cura nel segno del cardinal Martini”, organizzato dall’Associazione SON – Speranza Oltre Noi».

Così don Virginio Colmegna, presidente della Casa della Carità e tra i soci fondatori di SON, ricordando l’appuntamento di venerdì 14 febbraio alle 14 nell’auditorium della Casa della Carità.

«Con SON stiamo realizzando un percorso che parte dai bisogni delle persone disabili e delle loro famiglie, che non ha nulla a che fare con l’assistenzialismo o il pietismo. I più deboli sono portatori della domanda sul valore del limite, della fragilità e possono essere protagonisti di una nuova rilettura del Vangelo e anche questo ce lo ha detto il cardinal Martini, nel suo primo discorso alla città di Milano (“Dare a ciascuno una voce”, 6 dicembre 1980), in cui si è soffermato a lungo sul rapporto tra comunità cristiana e persone con disabilità, ricordando come esse non siano semplicemente oggetto di leggi, programmi, interventi, ma soggetti, interlocutori responsabili, pro­tagonisti del proprio inserimento sociale», dice ancora il presidente della Casa della Carità.

«È un percorso – conclude don Colmegna – in cui stiamo coinvolgendo tutta la comunità locale del Quartiere Adriano, perché vogliamo creare uno spazio dove non solo abiteranno persone con disabilità e le loro famiglie, ma – sempre nello spirito del cardinal Martini – un luogo di vita e di promozione culturale per tutti quelli che vivono il territorio».

Il convegno “Fragilità e cura nel segno del cardinal Martini” sarà aperto dai saluti di Maris Martini e Giovanni Facchini (sorella e nipote del cardinale), cui seguirà l’introduzione di don Colmegna. Interverranno poi don Damiano Modena, segretario di Martini dal 2009 al 2012, lo studioso e storico Massimo Toschi e Alberto Fontana, di Spazio Aperto Cooperativa. Le conclusioni sono affidate a monsignor Luca Bressan, Vicario episcopale per la cultura, la carità, la missione e l’azione sociale della diocesi di Milano. Modera l’incontro  Maria Grazia Guida, presidente dell’Associazione Amici Casa della carità. Intermezzi musicali a cura dell’Associazione Per MITO onlus.

L’immagine di apertura è tratta dall’archivio del quotidiano Avvenire.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

I consigli della Biblioteca del Confine sull’Afghanistan

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine per conoscere meglio l’Afghanistan….

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora