Comunicati stampa

Accolti 27 profughi afghani

Il progetto di accoglienza dei nuclei familiari arrivati in Italia grazie ai ponti aerei delle scorse settimane è realizzato in accordo con la Prefettura di Milano e in collaborazione con Cooperativa Proges e CasAmica Onlus, che insieme alla Casa della Carità hanno messo a disposizione 50 posti

Milano, 21 settembre 2021 – Sono al momento 27 (8 donne, 8 uomini e 11 minori) su 50 posti messi a disposizione, i profughi afghani ospitati dal progetto di accoglienza coordinato dalla Casa della Carità e realizzato in collaborazione con Cooperativa Proges e CasAmica Onlus, in accordo con la Prefettura di Milano.

Si tratta di 6 nuclei familiari e 1 donna sola, che sono ospitati in appartamenti e altri spazi di accoglienza messi a disposizione dalle tre realtà milanesi e che sono seguiti e affiancati dagli operatori della Casa della Carità, tra cui educatori ed educatrici, personale medico, psichiatrico e legale, insieme a mediatori culturali.

«Fin dal 2004 alla Casa della Carità abbiamo accolto persone in fuga dall’Afghanistan. E lo facciamo anche ora, per offrire a queste persone un’ospitalità dignitosa e di qualità, non di stampo assistenzialistico, ma che inneschi una relazione di reciprocità e percorsi di autonomia, inclusione e cittadinanza», afferma il presidente della Casa della Carità don Virginio Colmegna

Che aggiunge: «Partecipando a questa accoglienza, la Casa della Carità non vuole dimenticare gli “altri afghani”, cioè chi non ha potuto lasciare il paese e tutti coloro che fuggono da guerre, fame, carestie, epidemie e che magari sono bloccati in Libia, rischiano la vita per attraversare il Mediterraneo o sono bloccati lungo la rotta balcanica. A queste persone l’Italia e l’Europa devono offrire ospitalità e protezione».

Conclude il presidente della Fondazione: «Mi fa molto piacere che anche Proges e CasAmica abbiano scelto di far parte di questo progetto. Trovo, infatti, che sia culturalmente innovativo che realtà che normalmente non ospitano rifugiati, ma persone con altre fragilità, si siano messe a disposizione, diventando una risorsa in questo momento così particolare».

«Quello di cura e di inclusione non può essere, per definizione, un lavoro sempre uguale, indifferente a ciò che succede attorno a noi. Com’è stato per gli Hotel Covid, l’ultimo dei quali è ancora attivo proprio qui nella futura RSA di via Adriano, anche in questo caso noi mettiamo a disposizione le nostre strutture e le nostre competenze per essere una risorsa della comunità», dichiara il Direttore Generale di Proges Giancarlo Anghinolfi.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

Giornata della salute mentale: i consigli della Biblioteca del Confine

Per la Giornata della salute mentale, le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca…

I consigli della Biblioteca del Confine sull’Afghanistan

Le segnalazioni di Alessandro Coerezza della nostra Biblioteca del Confine per conoscere meglio l’Afghanistan….

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora