Comunicati stampa

Covid: vaccinare al più presto le persone con disabilità psichica

Appello di Campagna per la Salute Mentale, U.R.A.Sa.M. Lombardia, R.U.L. e Coordinamento Milanese per la Salute Mentale che sollecitano le ATS lombarde a vaccinare prima possibile le persone con disabilità psichica.

Milano, 19 marzo 2021 – Campagna per la Salute Mentale, U.R.A.Sa.M. Lombardia (Unione Regionale Associazioni Salute Mentale), R.U.L. (Rete Utenti Lombardia) e Coordinamento Milanese per la Salute Mentale sollecitano le ATS lombarde a vaccinare il prima possibile le persone con disabilità psichica, i loro familiari, i caregiver e gli operatori che svolgono l’assistenza, come sancito dalle Raccomandazioni sui gruppi target della vaccinazione contro il Covid-19, emesse dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri l’11 marzo scorso. 

Afferma don Virginio Colmegna, presidente della Campagna Salute Mentale Lombardia: «Sottolineiamo che a oggi in Regione Lombardia si procede a macchia di leopardo. Se a Brescia, Varese e Mantova per questa popolazione  il percorso vaccinale è quasi completato,  risulta invece allarmante la situazione di Milano e hinterland: le persone con patologie psichiatriche sono ancora in attesa di essere vaccinate e non si sa, come accade per molti ultraottantenni, quando ciò avverrà. Altrettanto preoccupante è anche la situazione degli operatori dei servizi socio-sanitari, di cui più della metà non sono ancora stati vaccinati».

In quest’ultimo anno, l’accesso ai servizi di salute mentale è diventato più difficile, i servizi diurni sono stati lungamente chiusi e ora operano a regime ridotto e molti disabili psichici che sono stati costretti in casa, e lo sono tuttora, hanno ripreso a chiudersi nella loro patologia. Per questo, per le persone con disagio psichico è fondamentale riannodare il filo che li lega alla realtà ed alla vita sociale e ciò può avvenire anche grazie al vaccino.

«Ci conforta l’attenzione del Presidente del Consiglio Draghi che ha richiamato la necessità di rilanciare, all’interno della medicina territoriale, i Centri di Salute Mentale, come importanti canali di integrazione sociale delle persone con disagio mentale. Il superamento di questa difficile fase può e deve trovare concretezza nella vaccinazione di tutta la popolazione, a partire dai più fragili. È per questo che chiediamo a gran voce un cambio di passo nella somministrazione dei vaccini», conclude don Colmegna.

La foto di apertura è di Steven Cornfield su Unsplash


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

“Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”

Rivedi l’incontro “Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”, promosso…

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della Carità, che…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora