Blog - Don Virginio Colmegna

Il virus ci impone una nuova socialità: la fraternità

Ci è richiesto di attraversare il deserto non abbandonando la socialità, ma di riportarla nel cuore delle relazioni.

«Restate a casa». L’emergenza sanitaria in corso ci impone un netto cambio di abitudini e stili di vita e a subire più di tutti sembra essere la nostra socialità. Trovo invece che, improvvisamente, questi provvedimenti possano farci riscoprire un grande valore: quello della casa come luogo di relazione e intimità.

La paura del contagio è anche la paura di ritrovarci sempre più soli, paura di una solitudine che ci rende più poveri, senza potere. Sconfiggere questo virus vuol dire circondarlo con la resistenza di tutti. È qui che intravedo una nuova socialità, che è anche quella testimoniata dalla capacità di cura che sovrasta regole, ritmi e sistemi organizzativi e che ritroviamo in quel calvario di sofferenze che sono i reparti degli ospedali, dove medici, infermieri e pazienti trattengono un coraggio che alimenta la speranza.

Dobbiamo avvertire che questa è una linfa, una tensione spiegabile solo perché la fraternità è ancora in grado di scrivere ogni giorno capitoli di umanità come quelli che si stanno vivendo in quegli ospedali. Questo oggi ci è richiesto: attraversare il deserto, non abbandonando la socialità, ma riportarla dove nasce, cioè da un moto del cuore, e lasciarci affascinare dai volti, dai legami, dagli affetti. Il deserto è questo tirar fuori un profondo sentimento di solidarietà. Rileggevo una frase di Alberto Moravia, che mi appare significativa anche per la sua dimensione laica: «La contemplazione è come la diga che fa risalire l’acqua nel bacino. Essa permette agli uomini di accumulare di nuovo l’energia di cui l’azione e la confusione interiore li ha privati».

Ecco, questo è un periodo nel quale vivere tutto questo, ammirando e sostenendo il patrimonio di umanità e solidarietà cui stiamo assistendo. Quindi non si tratta di allentare la socialità, ma di riportare nell’intimità più profonda questo valore. È forse questo il senso di una quaresima, o di una quarantena, da condividere nel silenzio e nella speranza della Pasqua di resurrezione.


Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della Carità, che…

“Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”

Rivedi l’incontro “Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”, promosso…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora