Blog - Don Virginio Colmegna

Cattolici e politica

Il cattolico può portare in politica la passione per gli insegnamenti di Gesù, un Gesù che da ricco che era si è fatto povero.

Il dibattito che si è aperto negli ultimi tempi sull’impegno dei cattolici in politica mi ha fatto ripensare al libro «Una vocazione controcorrente», frutto del dialogo tra la mia esperienza e un ebreo non credente e una suora contemplativa. A tornarmi in mente, quella traccia che posso chiamare la profezia della condivisione della radicalità del Vangelo. Essere segnati dalla Parola di Dio significa essere segnati da quella profezia, che è poi la possibilità di scommettere sul futuro. In questo senso, Papa Francesco nella Gaudete et exsultate ci dice di avere due capisaldi: Matteo 25 e il Linguaggio delle Beatitudini.

Tutto questo mi restituisce il senso di una religione da non consumare nel mercato del dibattito pubblico, di una religione da sottrarre alla strumentalizzazione, a un utilizzo per fini individualistici. Questo modo di vivere la fede mi riconsegna un rovesciamento di prospettiva: occorre partire non da noi stessi, ma dai temi della fraternità, dei poveri, della giustizia. È qui che a mio avviso risiede l’intensa vocazione di essere discepoli del Signore.

Ecco perché in un periodo in cui si ritorna a evocare una religione che entra in politica e nelle istituzioni, penso sia da ribadire l’immagine di una Chiesa in uscita, una Chiesa come ospedale da campo, una Chiesa che parta dalla fragilità, dalla debolezza e dalla non onnipotenza. La fede è essere discepoli di Gesù, seguaci dei suoi insegnamenti. Fedeli di un Gesù povero, che da ricco che era si è fatto povero. È semmai questa passione che va immessa in politica, come capacità di ragionare e riflettere. Questa è anche la novità che ci propone Papa Francesco: farsi travolgere dal messaggio straordinario dell’annunciare il Vangelo oggi.

Tags

Altri articoli suggeriti

Case della comunità, proviamoci in Lombardia

Rivedi l’incontro online “Case della comunità, proviamoci in Lombardia”, promosso dall’Associazione Prima la comunità….

“Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”

Rivedi l’incontro “Territorio e comunità: sanità e disagio sociale ai tempi del Covid”, promosso…

“Regaliamoci futuro”. La Casa della Carità si ripensa

Il percorso di riprogettazione dell’azione sociale e degli spazi della Casa della Carità, che…

SOSTIENI LA CASA DELLA CARITÀ

La Casa della Carità è una vera famiglia per bambini, anziani, donne e uomini di ogni età, Paese e religione.

Dona speranza, cura, un aiuto concreto alle persone seguite dalla Fondazione.

Dona ora